Le comete Honda ed Elenin realizzano le profezie Maya

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le comete Honda ed Elenin realizzano le profezie Maya

Messaggio  Haryn-Sha il Lun Set 05, 2011 10:28 am

Le comete Honda ed Elenin realizzano le profezie Maya


Condivido con voi questo brano, che avevo ascoltato qualche giorno fa insieme a Kumùvayah.
L'ho appena ritrovato in rete, e siccome non credo al "caso", interpreto questo suggerimento nel modo più concreto e reale possibile. Lo condivido con tutti voi.
Vorrei potervi rassicurare maggiormente sugli accadimenti che ci attendono, ma ieri in serata ho vissuto un'esperienza di contatto di cui per ora non posso svelare nulla.
Mi è stato chiesto di parlarne nei dettagli domenica 18 settembre, durante la celebrazione dell'equinozio d'autunno, che si svolgerà qui da noi, alle ore 14.
Mi è stato chiesto di invitare tutti voi a partecipare, perchè interesserà tutti.
Chi desiderasse far parte dell'incontro può anche raggiungerci fin dalla mattinata, e trascorrere così con noi l'intera giornata.
Potete contattarci via forum per confermare o meno la vostra partecipazione. Per Kumùvayah e per me è sempre una vera gioia poter accogliere nella nostra casa Fratelli e Sorelle in cammino, soprattutto in questo momento importante.
Vi lascio ora alla lettura del brano, è un pochino lungo, ma vi assicuro che ne vale la pena, rimandandovi al giorno dell'equinozio, per chi sceglierà di capire, di sapere, di fare qualcosa.

Haryn-Sha



Molte persone hanno sentito parlare del prossimo ingresso all’interno del sistema solare della cometa Elenin (http://elenin.org) e c’è tutta una serie di idee e speculazioni su ciò che questo potrebbe comportare. Le comete sono sempre state viste come messaggere di buon auspicio o (più comunemente) minacciose e questo non fa certo eccezione. Si è ipotizzato che in realtà questa cometa sia una stella nana bruna, una navicella spaziale o che possa causare terremoti. In ogni caso questo autunno arriveranno due comete, Honda ed Elenin, poi seguite dalla cometa Levy, creando una sequenza di corpi celesti nel cielo (http://www.youtube.com/watch?v=swhme7X7tWI).

Si stima che la cometa Elenin, che ha ricevuto la massima attenzione tra queste, sarà più vicina alla Terra verso il 16-20 ottobre 2011, vicino al punto medio del settimo giorno della Nona onda (o Sottomondo Universale). Per il fatto che apparirà in questo periodo, proprio prima della vera data 13 Ahau culmine del calendario Maya (28 ottobre 2011), questa cometa è un fenomeno della fine del tempo a prescindere dalla natura specifica e dal ruolo che può avere. Queste comete arriveranno così sullo sfondo di un crescente caos globale politico ed economico derivante dal fatto che le istituzioni del mondo non sono coerenti con la coscienza d’unità in arrivo con la Nona onda. Per questo vale la pena approfondire il collegamento di questa cometa con le profezie sulla fine del tempo secondo varie fonti.


Nel libro “Il calendario Maya e la Trasformazione della Coscienza” (2004) ho scritto:


“Almeno alcuni piccoli cambiamenti della terra possono quindi derivare dall’elevato cambiamento di frequenza della coscienza che stiamo subendo. E’ insostenibile l’inversione di causa ed effetto per creare un’idea del giorno del giudizio in cui i cambiamenti della terra sono presentati come il vero scopo della creazione. Eventuali effetti fisici dovrebbero essere visti solo come prodotti del campo di coscienza e la maggior parte del cambiamento climatico sarà probabilmente causato da emissioni di anidride carbonica piuttosto che da un presunto piano divino per la distruzione della terra attraverso i cambiamenti geofisici. “

Questo era riferito al Sottomondo Galattico e probabilmente solo con il Sottomondo Universale (vedi figura sotto) la frequenza è diventata così elevata che i cambiamenti della Terra non possono più essere classificati come minori. Ciò che risulta anche da questa citazione è che ho cercato di tenere distinto il mio punto di vista da quello di coloro che si concentrano solo sui cambiamenti della Terra in quanto tali, senza fornire un contesto significativo per il loro verificarsi. Ho sottolineato che il calendario Maya è fondamentalmente un’evoluzione della coscienza ed i cambiamenti della Terra avvengono o per favorire questa evoluzione o sono effetti conseguenti dell’evoluzione stessa. Ho quindi concluso che l’attuale Nona onda del calendario Maya indica una direzione irreversibile verso la coscienza unitaria che si concluderà entro la fine dell’anno.

Figura 1. La Nona onda del calendario Maya fino alla sua data finale il 28 ottobre 2011 con l’indicazione: A / Punto più vicino alla Terra della cometa Honda, B / Cometa Elenin tra la terra e il sole e C / Minima distanza della cometa Elenin. (Per i dettagli sulla Nona onda vedere www.mayanninthwave.com).

Alcuni hanno anche messo in dubbio che, nonostante la sua elevata frequenza, la Nona onda del calendario Maya possa portare questa nuova coscienza in un periodo così breve di tempo. Tuttavia i suoi giorni sono ora espressi nell’unità della rivoluzione mondiale con epicentro in Nord Africa e Sud Europa (Più di recente, le donne saudite hanno iniziato a guidare). Dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che la seconda metà di un’onda manifesta sempre i suoi fenomeni in modo molto più sostenuto rispetto alla prima metà e che quindi la rivoluzione mondiale d’unità si intensificherà. La data del 4 luglio come data di inizio della seconda metà può implicare che le richieste di una vera democrazia, che sono attualmente in fase di crescita nell’Europa meridionale, si diffonderanno anche negli Stati Uniti. In aggiunta, sembra probabile che avvenga un collasso monetario nel mese di agosto considerando l’alto livello di indebitamento e altri fattori nei paesi chiave. Il Sottomondo universale ci chiamerà quindi sempre più a diventare cittadini del cosmo e modificherà i nostri limitanti confini nazionali.

Inoltre, in questa alta frequenza di cambiamento, i cambiamenti della Terra si intensificheranno e la cosa interessante è che a volte i corpi celesti sono sincronizzati con l’evoluzione del piano cosmico in modo da creare balzi in avanti. Questo può anche accadere nel prossimo futuro attraverso l’avvicinarsi delle comete. Dopo tutto, l’Albero Cosmico della Vita, che si basa sul calendario Maya, è il fattore di sincronizzazione dietro a tutti gli eventi dell’universo e sappiamo che i corpi celesti hanno giocato un ruolo evolutivo in passato. Inoltre, se tali eventi celesti originano nel piano divino può anche significare che possono a volte essere predetti da profezie.

Prima di entrare nelle profezie darò due esempi di corpi celesti che hanno svolto un ruolo di supporto per l’evoluzione della vita sul nostro pianeta. Il primo è l’impatto di un corpo celeste delle dimensioni di Marte che dalla scienza attuale si ritiene abbia dato origine alla luna 4,5 miliardi di anni fa. L’altro evento miracoloso nella storia della Terra è il meteorite che 65 milioni di anni fa l’ha colpita e ha dato origine al cratere di Chicxulub in Messico ed ha oscurato il cielo per un lungo periodo. Questo ha portato all’estinzione di tutti i dinosauri e plesiosauri sul nostro pianeta. La ragione per cui questo meteorite apparentemente distruttivo può essere chiamato miracoloso è che senza di esso con l’esatta dimensione che aveva non saremmo qui a parlarne oggi. I dinosauri potrebbero ancora essere in giro a mangiare tutti i mammiferi che potevano evolversi. Se, d’altro canto, questo meteorite fosse stato di una dimensione doppia tutta la vita sulla terra – compresi i mammiferi – si sarebbe estinta e non saremmo qui neanche in questo caso.

Inoltre tale impatto è stato molto preciso temporalmente e aprì la strada per i mammiferi superiori che si sono sviluppati all’inizio del Settimo giorno del Sottomondo dei Mammiferi. Questi eventi, la formazione della luna e l’estinzione dei dinosauri perciò sono chiaramente serviti per l’ulteriore evoluzione del piano cosmico e il suo scopo, ma sembra ancora incomprensibile per una mente umana come questi corpi celesti possano avere una tale precisione di dimensioni e di orbita per realizzare la continua evoluzione della vita sulla Terra. Quando si tratta di una serie di comete che si stanno avvicinando alla Terra sento che dovremmo essere aperti alla possibilità che anche questo è stato progettato dalla intelligenza divina e che svolge un ruolo specifico che preparerà il mondo per la fine del tempo il 28 ottobre 2011. Va sottolineato poi che non c’è nulla che indichi che farebbe parte di questo piano che tutta la vita sulla terra finisca, sia in occasione di eventi passati o in futuro. D’altra parte questo non significa che non ci saranno vittime.

Parlare delle eventuali interazioni fisiche che le due comete possono avere con la Terra è tuttavia difficile in questo momento. I dati che sono stati forniti da siti ufficiali astronomici sono poco significativi per avere un’influenza diretta sul nostro pianeta. (http://www.astrosociety.org/elenin/ab2011-72.pdf). Tuttavia prevedere questi parametri è difficile in quanto sono soggetti a cambiare nel tempo e nessuno può prevedere con certezza i valori esatti. Eppure, a meno che qualche nuovo dato venga fuori da fonti astronomiche attendibili non vedo alcun motivo di dubitare che queste comete non siano altro che piccoli pezzi di ghiaccio. Indipendentemente da tutto ciò, queste comete possono ancora avere un ruolo significativo nello scenario della “fine del tempo”.

Ho infatti la sensazione che la sincronicità di Elenin con la fine del calendario Maya sia un fatto molto interessante che merita di essere considerato in relazione anche ad alcune antiche profezie. Prima di esaminare tali profezie possiamo notare che alcuni hanno letto nel nome ELENIN (dal suo scopritore Russo) le iniziali della frase “Extinction Level Event Niburu Is Near”. Una lettura più appropriata secondo me, date le prospettive disastrose del sistema monetario mondiale nella seconda metà del Sottomondo Universale, potrebbe tuttavia essere El + Lenin (messaggero di Dio + rivoluzione anti-capitalista). Nelle discussioni in corso diverse persone sostengono che la cometa Elenin sia una nave spaziale e che ci sia una cospirazione dei potenti per mantenere segreto il suo prossimo arrivo alla popolazione. Qualsiasi cosa sia non credo che nella situazione attuale cambi molto per noi.

L’idea più popolare sulla cometa Elenin è che sia legata al previsto ritorno di Nibiru, un‘ipotetica nana bruna compagna del nostro sole. L’esistenza di Nibiru è stata inizialmente proposta da Zecharia Sitchin basandosi sulla lettura di testi sumerici, ma prima della sua morte l’anno scorso ha detto chiaramente che non credeva che avesse qualcosa a che fare con il 2012 ed è davvero difficile capire perché avrebbe dovuto. L’idea che Nibiru sarebbe tornato nel 2012 o più specificamente il 21 dicembre 2012 non è supportata da alcuna prova. Eppure Nibiru è apparso in video visto da milioni di persone su YouTube in una strana miscela tra le idee di Sitchin e la data sbagliata del calendario Maya. Mentre i sostenitori di questa idea parlano ampiamente di insabbiamenti e complotti per mantenerci all’oscuro della sua esistenza non vi è infatti alcuna prova che Nibiru esista. Inoltre la connessione tra Nibiru e il 2012 è già discutibile in quanto nessuna antica profezia Maya parla della sua esistenza. Il collegamento tra Nibiru e il 2012 poi diventa ancora più discutibile se si pensa che i suoi sostenitori hanno sostituito il tracciato dell’evoluzione del calendario Maya con gli effetti provocati da questo ipotetico pianeta per spiegare il corso degli eventi umani. Personalmente non vedo alcuna ragione per abbracciare un’idea che manca di fondamento sia nella scienza moderna che in un’antica profezia. Tuttavia, dal momento che ha acquisito una grande popolarità, spesso associata con uno spostamento dei poli e con un’inversione della rotazione terrestre, sembra possibile che indichi uno scenario che avrà effettivamente luogo, ma con basi diverse. Potrebbe per esempio essere che questa visione collettivamente condivisa non sia vera in quanto tale, ma che punti ad una cometa in avvicinamento e che questo non coincida con una inversione elettromagnetica dei poli, ma con un cambiamento della polarità della coscienza nel modo che conosciamo in base al calendario Maya?

La profezia Hopi fornisce un’altra fonte per considerare Elenin (e forse anche la cometa Honda che la precede) dal momento che questa cometa potrebbe essere la Stella Blu Kachina – l’Occhio di Dio – che è uno dei segni della fine dei tempi.

“E questo è il Nono ed Ultimo Segno: Tu sentirai di un luogo nei cieli, sopra la terra, che cadrà con grande fragore. Apparirà come una stella blu … Questi sono i segni che una grande distruzione è imminente. Il mondo oscillerà. L’uomo bianco combatterà i popoli di altri paesi… – quelli che possedevano la prima luce della saggezza. Ci saranno molte colonne di fumo e fuoco come quelle che l’uomo bianco ha già fatto nel deserto non lontano da qui. Molti del mio popolo, comprendendo le profezie, saranno al sicuro. Quelli che abitano e vivono nella terra del mio popolo saranno salvi . Allora ci sarà molto da ricostruire. E presto – subito dopo -… Pahana tornerà. Porterà con sé l’Aurora del Quinto Mondo Pianterà i semi della sua saggezza nei nostri cuori Almeno ora i semi sono stati piantati. Questi spianeranno la via per emergere nel Quinto Mondo. “

Il mio intuito mi dice che Elenin è davvero la Stella Blu che secondo quanto letto sopra sembra implicare un qualche tipo di impatto vicino. Per essere certi di questo dovremo aspettare e vedere di che colore è. E’ comunque già degno di nota che il Nono ed ultimo segno della Profezia Hopi corrisponda a ciò che è prodotto dalla Nona e più alta onda del calendario Maya. Forse questa cometa è infatti anche un segno del ritorno di Quetzalcoatl, il Serpente Piumato, della profezia Azteca / Tolteca.

Ci sono inoltre i messaggi dei profeti Cristiani del secolo passato (http://olrl.org/proph

ecy/daysdark.shtml), che dicono che alla fine dei tempi ci saranno Tre Giorni di Buio. Ciò fornisce un interessante parallelo con i messaggi degli anziani Maya e per questo si può consultare un video di un anziano Maya Don Alejandro Oxlaj (http://www.youtube.com/watch?v=vcaez8jn2Zg ) come parte del film “Shift of the Ages” (http://www.shiftoftheages.com/ ) dove si parla di questi Tre Giorni di Buio. In precedenza sono stato scettico riguardo questa idea, dal momento che non mi sembrava concretamente possibile, ma dal momento che la stessa visione è venuta anche da altre fonti, abbastanza indipendenti, diventa più facile da accettare. Potrebbe anche esserci una spiegazione concreta. Così, alcune clip su YouTube hanno ipotizzato che quando la cometa Elenin passerà tra la Terra e il sole (http://www.youtube.com/watch?v=Afhmhfzjiho), intorno al 25 settembre 2011, ci saranno tre giorni di buio. Non credo che questa previsione sia condivisa dagli astronomi, eppure le cose possono accadere con modalità difficili da comprendere. Dopo tutto, quando arriviamo al 28 Ottobre 2011 Nove Sottomondi, per un totale di 16 miliardi di anni di evoluzione, si manifesteranno “nel pieno del loro splendore” secondo il monumento Tortuguero. Sento quindi che possiamo aspettarci qualche sorpresa dal Creatore per trasformare questo mondo in un mondo di armonia.

La drammaticità di questo scenario della imminente fine del calendario Maya è evidenziata dal fatto che ci sono due comete che diventano visibili nella seconda metà della Nona onda. Prima di Elenin, la cometa Honda sarà alla sua distanza minima (0,077 UA) dalla Terra all’inizio della quinta notte il 17 agosto 2011. Quello che rende questo fatto interessante è che ci sono diverse profezie che parlano di due comete che segnano la fine del tempo e giocano un ruolo unico. Helen Tzima Otto ha scritto un’importante trilogia di libri (l’ultimo dei quali è chiamato “A Five Year Plan in the Divine Economy: The Timing of the Divinely-Ordained Events”, Verenikia Press, 2011) che può essere indispensabile per la nostra comprensione del prossimo scenario. Si tratta di libri seri che aggiungono argomenti critici all’altra data finale del calendario Maya: 21 dicembre 2012 (la Otto fa notare che l’argomento più forte dei suoi sostenitori sembra essere che la maggior parte della gente pensa che questa sia la data finale). La trilogia parla delle profezie della fine dei tempi dei profeti cristiani più recenti che descrivono l’avvento di un paio di comete. (Nota: questi profeti non sono telepredicatori Americani, ma persone, spesso di umili origini, appartenenti alla tradizione cattolica o ortodossa greca. E merita anche di essere sottolineato che queste profezie si riferiscono a comete e non pianeti o nane brune..)

Per apprezzare l’importanza di queste profezie dobbiamo notare che i libri della Otto sono stati scritti senza sapere che la cometa Elenin era stata scoperta il 10 dicembre 2010 o che la cometa Honda l’avrebbe preceduta. Così il suo racconto completo sulle profezie di due comete diverse non è stato scritto per spiegare la situazione piuttosto inusuale in cui ci troviamo in questo momento mentre il calendario Maya sta volgendo al termine. Sicuramente l’apparizione di due comete in prossimità di questa fine è un fenomeno molto più raro dell’apparizione di una sola. Il messaggio di queste profezie è che una coppia di comete segnalerà l’urgenza di arrendersi e di convertirsi alla volontà di Dio prima che sia troppo tardi. Dal momento che ho già sostenuto che lo scopo della Nona onda è quello di portare un rapporto diverso con Dio, la coscienza unitaria, questa non è una sorpresa. Secondo queste profezie la prima cometa sarà associata all’Illuminazione della Coscienza, mentre cominceranno ad apparire segni di natura soprannaturale. Al passaggio ravvicinato della seconda cometa, chiamata Cometa del Castigo, si verificheranno i Tre Giorni di Buio. Visto quello che sappiamo sulla fine del calendario Maya il 28 ottobre 2011, sembra ovvio che le due comete Honda e Elenin sono serie candidate per soddisfare queste profezie.
Nelle precedenti profezie sulla fine dei tempi si raccomanda alle persone di rimanere nelle proprie case con le candele benedette e non guardare fuori dalle finestre mentre passano queste comete.

Insistono sulla preghiera costante per tre giorni dopo aver contemplato il modo in cui possiamo aver offeso Dio. Tutto questo ha senso perché se vogliamo diventare completamente trasparenti e raggiungere la coscienza dell’unità dobbiamo avere illuminato tutte le parti oscure del nostro essere e tutte le azioni del nostro passato. E’ poi interessante notare che l’anziano Maya Don Alejandro Oxlaj in una intervista che ho fatto con lui cinque anni fa, raccomandava di dedicarsi alla contemplazione ed alla meditazione durante i Tre Giorni di Buio. E’ difficile dire quanto di queste profezie sia una metafora, così come quello che si intende per “giorni”, ma comunque sembra uno scenario piuttosto fisico. Dobbiamo secondo me prepararci spiritualmente a questo avvenimento facendo ciò che possiamo per sistemare le cose, ma secondo varie profezie dobbiamo prepararci anche in modo pratico.

Se Elenin è questa seconda cometa, questo implica che al momento della sua distanza minima dalla terra molte persone avranno paura. Come dicevano gli Hopi parlando della Grande Purificazione anche in queste profezie cristiane è scritto che solo coloro che sono puri sopravvivranno a questo evento non soccombendo alla paura. Diverse profezie parlano di una qualche forma di disturbo della posizione della Terra e di grandi terremoti così che gran parte dell’umanità non vivrà per ereditare la Terra. Tuttavia, abbiamo anche detto che non dovremo temere questi eventi e avere fiducia che il mondo continuerà. Ci sono ampie descrizioni su Internet che il lettore può consultare in merito a tali profezie di tre giorni di buio e sarà compito di ogni individuo decidere come rapportarsi ad esse. Anche se questo può sembrare terribile, può essere visto come un’opportunità per ripulire l’oscurità da noi stessi, una cosa necessaria per permettere la nascita di un nuovo mondo in armonia dal caos che ora aumenterà ulteriormente

Personalmente vedo tre possibilità diverse di come i tre giorni di buio potrebbero verificarsi in correlazione con il passaggio di Elenin. La prima è che la cometa ha una grande coda che copre il sole (meno probabile). La seconda è che arriva così vicino che destabilizza la Terra (anche meno probabile). La terza, che ritengo la più probabile, richiede qualche informazione aggiuntiva sul motivo per cui si verificano cambiamenti terrestri geologici. Per cominciare: i terremoti avvengono a causa della deriva dei continenti sulla superficie della terra, che ha origine nei flussi di convezione nel suo magma. Uno scopo importante della deriva dei continenti è quello di creare un cervello globale con cui gli esseri umani devono essere in risonanza per manifestare il piano cosmico. Nei miei libri “Solving the Greatest Mystery of Our Time” (2001) e “The Purposeful Universe” (2009) descrivo come la separazione del mondo in due blocchi continentali è correlata con i cambiamenti nel calendario Maya (nella 2° onda). Sappiamo anche che alcune onde, come la settima e la nona, sono state avviate da terremoti enormi (9,2) a Lisbona e in Giappone rispettivamente nel 1755 e nel 2011. Io credo che gli ultimi terremoti sono successi perché con l’attivazione di nuove onde con frequenze maggiori sono avvenute modifiche nel nucleo della Terra per adattarsi a una nuova polarità di coscienza. Sembra quindi chiaro che la deriva dei continenti e i terremoti in senso generale seguono il calendario Maya. E’ solo che questo non ci aiuta a prevedere molti piccoli terremoti o le loro posizioni precise.

A causa della necessità di un tale aggiustamento per la trasmissione della coscienza unitaria ho il sospetto che l’attività sismica continuerà ad un ritmo intenso per tutta la Nona Onda. Tuttavia, e questo è il punto, se alcune onde hanno visto grandi sconvolgimenti geologici nel loro inizio dovremo allora aspettarci grandi cataclismi nel periodo in cui tutte le nove onde contemporaneamente giungono a conclusione il 28 ottobre 2011? Questo culmine stesso del calendario Maya potrebbe significare la necessità di una regolazione abbastanza drammatica del nucleo interno della terra e come conseguenza una massiccia attività sismica sulla superficie della terra.

L’arrivo di Elenin, forse la Stella Blu, potrebbe poi semplicemente “verificarsi” in sincronia con i terremoti, che in realtà sono il frutto di una messa a punto del cervello globale per creare una risonanza con il nuovo campo di coscienza unitaria. L’attività geologica attesa quando il calendario si conclude quindi potrebbe generare così tante eruzioni e gas che il cielo potrebbe diventare buio per tre giorni. Il nucleo della Terra modificato poi automaticamente favorirà coloro che hanno una risonanza molto sviluppata con il campo di coscienza unitaria e sono guidati da essa. In questo scenario l’apparizione della Stella Blu è semplicemente sincronizzato con il terremoto e funge da messaggero, ma non svolge alcun ruolo causale.

Questo modello può essere difficile da comprendere per coloro che vogliono spiegazioni più meccaniche sui cambiamenti della terra come ad esempio Elenin, Nibiru, HAARP o eventi semplicemente casuali. Eppure le prove delle le onde di creazione del calendario Maya sono a disposizione di tutti nei miei libri e vi è una ragione per cui i Maya chiamano il loro calendario sacro. Il motivo è che descrive un piano divino che si sviluppa attraverso nove processi di sette giorni e sei notti. Quello a cui stiamo assistendo ora è la conclusione di questo disegno divino, una conclusione che potrebbe essere molto spettacolare ed è per questo che possiamo trovare importanti informazioni relative al calendario Maya anche nella Bibbia e nel Corano.

In definitiva l’orchestratore è Dio che sicuramente non vorrebbe vedere la fine del mondo in un disastro dopo 16 miliardi di anni di evoluzione. È il fatto che il calendario Maya descrive un piano divinamente orchestrato che mi fa pensare che la conclusione si svolgerà esattamente come doveva e non è sicuramente la fine della vita sulla terra. Senza la comprensione che la vita sulla terra è il risultato di un piano divino tuttavia potrebbe facilmente scomparire la base per la fiducia nel futuro dell’umanità.


Possiamo sostenere che non è così importante proprio quale meccanismo – cometa, nave spaziale, Nibiru o piano cosmico – attiverà questo scenario di fine del tempo. Quello che può essere più importante è come noi ci rapportiamo ad esso e la trasformazione della mente umana che questo fatto implica. C’è comunque una conseguenza curiosa pratica se credete in un impatto dallo spazio o in processi insiti nella creazione quando si tratta di come potrebbe essere necessario prepararsi. Se ci sarà il rischio di un impatto con un corpo celeste la conseguenza logica sarà quella di cercare un rifugio sotterraneo. Se invece ci saranno terremoti perché i processi evolutivi finiscono, che ho suggerito, sarà logico cercare rifugio in collina o sul mare. Le persone in risonanza con la coscienza unitaria trasmessa dal nucleo della Terra sapranno cosa fare.

Mentre ci avviciniamo al 28 ottobre 2011 il campo della volontà duale a livello cosmico è stato trasceso e la transizione verso l’unità di coscienza potrebbe essere la condizione per la sopravvivenza nel nuovo mondo. Le profezie associate con le due comete sembrano essere in linea con alcune delle conclusioni che ho fatto in precedenza per quanto riguarda la Nona onda; per esempio, quello che dobbiamo fare ora è passare dal servire i nostri ego a servire il piano divino e dobbiamo impegnarci a farlo perché avvenga l’armonizzazione del mondo. Questa è anche la ragione per cui nel corso degli anni ho sempre sottolineato l’aspetto della coscienza nel calendario Maya dicendo che ha una direzione irreversibile verso l’unità e la luce, perché se questo, l’aspetto più importante del calendario, venisse ignorato ci sarebbe davvero molto poca speranza per la razza umana.

Il significato profetico che ho qui assegnato a queste comete è una possibilità e non una certezza scientifica. Eppure intuisco che qualcosa di importante sta per accadere relativo a queste comete che nessuno al momento attuale è in grado di comprendere appieno o ha la base fattuale per analizzare. Se uniamo le nostre conoscenze del modello evolutivo del calendario Maya con le varie profezie sulla fine del tempo acquista tuttavia senso che le due comete sono le messaggere della trasformazione del vecchio e della nascita di un nuovo mondo. In questo modo possiamo vedere una perfetta coerenza tra profezie di varia origine e il modello del calendario Maya di Nove Sottomondi e Tredici Cieli che culmina il 28 Ottobre 2011 (13 Ahau). Con questa conoscenza la questione verte essenzialmente sul come dobbiamo usarla e questo potrebbe essere argomento di approfondite discussioni in futuro.

Secondo la profezia Hopi Kachina interromperà la sua danza e si toglierà la maschera mentre la stella Blu apparirà per la Grande Purificazione. Questo credo che alluda a quello che per molti anni ho sempre detto in tutte le mie lezioni e cioè che come i filtri (le maschere) spariranno non saremo più marionette (Kachinas) del piano divino e saremo liberi di essere e creare senza essere subordinati al processo evolutivo divino descritto dal calendario Maya. Quando nascerà il nuovo mondo le persone dopo il 28 Ottobre 2011 vivranno la vita momento per momento liberi di creare la realtà secondo la propria coscienza d’unità appena conquistata. Questa è la nascita del nuovo mondo di pace che è una parte di queste profezie, come le difficoltà che lo precedono.


Carl Johan Calleman
Seattle, 23 giugno 2011 (3 Ben)

avatar
Haryn-Sha
Admin

Messaggi : 450
Data d'iscrizione : 31.01.11
Età : 49
Località : Biella

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum